Medusa - Metamorfosi di Ovidio


francesco zaffuto - acquarello, isatis, polvere di pino -2008 - cm. 21,5x25

Medusa fu desiderata e contesa da molti pretendenti,
e in tutta la sua persona nulla era più splendido dei capelli:
ho conosciuto chi sosteneva d'averla vista.
Si dice che il signore del mare la violasse in un tempio
di Minerva: inorridita la casta figlia di Giove con l'egida
si coprì il volto, ma perché il fatto non restasse impunito
mutò i capelli della Gòrgone in ripugnanti serpenti.
libro quarto - Metamprfosi di Ovidio

Per chi non ha sotto mano il testo di Ovidio ecco un link

1 commento:

  1. ... ti posso assicurare, dal mio modesto punto di vista, che il quadro è emozionante!!! c'è un'impeto ed una passione non comuni! Complimenti!conludo dicendoti che hai creato un'ottima reinterpretazione!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.